LA NOSTRA VISTA É DIFFERENTE

Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il momento di pubblicare questo articolo. Non l’ho fatto prima semplicemente perché come sapete sono mooooolto scaramantica … quindi parlarvi del Reparto di Neurologia dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma … senza esserci dentro 

… mi sembrava “tirarsela” … comunque ora ci siamo!

Eh sì da lunedì sera siamo ricoverati per crisette epilettiche che non ci lasciano in pace … Non é che di solito non ci vengono a trovare, ma sono 24 ore che ci scassano proprio le cosiddette …!!!

Come ho già detto più di una volta gli ospedali pediatrici non dovrebbero proprio esistere, ma visto che devono esserci … che almeno siano un’ eccellenza.

Il reparto di Neurologia é stato per i primi anni di vita di Diego praticamente la nostra casa … considerate che nel 2014 siamo stati ricoverati nel corso dell’anno per 280 giorni … quindi fate voi il conto! Ho provato a chiedere la residenza in Vaticano, ma niente. Ho anche chiesto al reparto, ma non ci vogliono … e se prima questo per me era il mio posto sicuro … il mio rifugio … il mio sentirmi protetta … convinta che qui non sarebbe mai e poi mai successo nulla … beh adesso ho cambiato idea … per quanto sia efficiente ed accogliente questo reparto … casa é sempre casa!!!
Quindi cerchiamo di venirci il meno possibile … ma quando ci tocca ci tocca … sapete tipo i check che fanno le macchine … ecco il nano ogni tanto ne ha bisogno … anche se secondo me é solo la “scusa” per venire a farsi sbaciucchiare dalle sue “zie” dei piani alti … quelle che si sono prese cura di lui dai primi mesi di vita.
Ricordo benissimo, come se fosse ieri, la prima notte passata qui dentro … sdraiata nel suo lettino e con lui in braccio stretto a me con un lenzuolo che ci faceva sentire più uniti che mai. Il suono dei monitor, l’odore di disinfettante, il rumore delle flebo … ricordi, ma anche presenti … che non si dimenticano.
Ricordo la nostra prima infermiera … la prima ago cannula messa in urgenza … ci sono stati momenti terribili … e ce ne saranno … ci sono stati abbracci di conforto … amicizie nate in queste stanza … genitori con i quali abbiamo condiviso tanto.

Infermiere andate via … infermiere rimaste … infermiere nuove … ed anche infermieri!

Non é tutto rose e fiori ovviamente ci sono persone e persone … persone che vi lavorano solo per lo stipendio e persone che ci mettono anima e cuore … persone che si affezionano e alle quali noi siamo affezionati …persone sulle quali mi sono ricreduta…

persone che senti anche fuori da queste quattro mura … persone soprattutto persone … ed alcune di loro hanno un cuore grande così.
É proprio per “colpa” di quelle persone con il cuore grande che Diego ci costringe a questi ricoveri … per evitare che queste zie si dimentichino di lui.

E poi … scusate … ma con una vista così … e con l’aria pura che si respira al Gianicolo … quasi meglio di Ovindoli … vuoi non farti un giretto da queste parti ogni Tanto?!?

La Neurologia si trova al quarto piano … e “la maestá del cupolone” toglie il fiato. 

Il reparto é accogliente, nuovo, colorato …
Le stanze sono spaziose, due posti letto ed una poltrona “comoda” (mai quanto il letto di casa) sulla quale noi genitori possiamo “dormire”.
Ai piedi di ogni lettino c’è come una finestra colorata … con dei disegni bellissimi.

E niente …i giorni qui passano lenti lentissimi … quando i ricoveri sono lunghi si perde proprio la cognizione del tempo … orari … giorni della settimana … tutto scivola via e tu vorresti solo riportare a casa il tuo bambino.

Ogni giovedì nel reparto passano i Dottor Sogni della Fondazione Theodora Onlus. Dal 1995 la fondazione aiuta i bambini in ospedale e le loro famiglie ad affrontare la difficile prova del ricovero attraverso la visita dei Dottor Sogni, artisti professionsiti assunti e specificatamente formati dalla Fondazione per operare in ambito ospedaliero pediatrico.

Ogni anno i 30 Dottor Sogni di Fondazione Theodora Onlus regalano magia, allegria, conforto e affetto ad oltre 35.000 piccoli pazienti ricoverati in 18 ospedali italiani.

Durante la visita i Dottor Sogni si prendono cura della parte sana del bambino, quella che ha bisogno di esprimersi attraverso il gioco, la fantasia, il pianto, lo stupore, la paura e il sorriso.
E sono un aiuto anche per noi genitori, che a volte abbiamo bisogno di sfogarci, di tirar fuori la nostra angoscia.
Loro sono preziosi, così come la presenza costante e incoraggiante di medici ed infermieri.

Nella speranza che questo ricovero sia più breve del solito.
La vostra #mammainconverse

La FELICITÁ non si ottiene con una pillola … la VITA é un privilegio!
Patch Adams

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...